Pompei

 » Home » Webcam » Webcam Campania » Pompei

IL FORUM DI PANORAMIWEB
Segnalazioni, guide, consigli, informazioni

Webcam

Pompei
Webcam in diretta attiva 24 ore su 24 . Offerta da: geoviewsrlClicca sulla miniatura per ingrandire

 

Galleria fotografica

Ricerca Flickr

Meteo

Dati in tempo reale

Meteogramma di Marcelli (AN)

Meteogramma di Marcelli (AN)

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Pompei è un comune italiano di 23 807 abitanti[1] della città metropolitana di Napoli in Campania, sede dei celebri scavi archeologici dell’antica città romana.

Una migrazione di abitanti dalle terre dell’Egeo discendenti dei Pelasgi, formò un primitivo insediamento ai piedi del Vesuvio, nell’area di Pompei: forse non un villaggio vero e proprio, più probabilmente un piccolo agglomerato di case posto all’incrocio di tre importanti strade, ricalcate in epoca storica dalla via proveniente da CumaNolaStabia e da Nocera.

Fu conquistata una prima volta dalla colonia di Bea tra il 525 e il 474 a.C.: le prime tracce di un centro importante risalgono al VI secolo a.C., anche se in questo periodo la città, sembra ancora un’aggregazione di edifici piuttosto disordinata e spontanea.

La battaglia persa dagli Etruschi nelle acque di fronte a Cuma contro Cumani e Siracusani (metà del V secolo a.C.) portò Pompei sotto l’egemonia dei sanniti. La città aderì alla Lega nucerina: probabilmente risale a questo periodo la fortificazione dell’intero altopiano con una cerchia di mura di tufo che racchiudeva oltre sessanta ettari, anche se la città vera e propria non raggiungeva i dieci ettari d’estensione.

Fu ostile ai Romani durante le guerre sannitiche. Una volta sconfitta, divenne alleata di Roma come socia dell’Urbe, conservando un’autonomia linguistica e istituzionale. È del IV secolo a.C. il primo regolare impianto urbanistico della città che, intorno al 300 a.C., fu munita di una nuova fortificazione in calcare del Sarno.

Durante la seconda guerra punica Pompei, ancora sotto il controllo di Nuceria Alfaterna, rimase fedele a Roma e poté così conservare una parziale indipendenza. Nel II secolo a.C. la coltivazione intensiva della terra e la conseguente massiccia esportazione di olio e vino portarono ricchezza e un alto tenore di vita.

Allo scoppio della guerra sociale Pompei fu ostile a Roma: nell’89 a.C. Silla, dopo aver fatto capitolare Stabia, partì alla volta di Pompei, che tentò una strenua difesa rinforzando le mura cittadine e avvalendosi dell’aiuto di un gruppo di celti capitanati da Lucio Cluenzio. Ogni tentativo di resistenza risultò vano e la città cadde ma, grazie all’appartenenza alla lega nucerina, ottenne la cittadinanza romana e fu inserita nella Gens Menenia.

Nell’80 a.C. entrò definitivamente nell’orbita di Roma e Silla vi trasferì un gruppo di veterani nella Colonia Venerea Pompeianorum SillanaTacito ricorda la rissa tra Nucerini e Pompeiani del 59 d.C. nell’Anfiteatro romano di Pompei, che spinse i consoli a proibire per dieci anni ogni forma di spettacolo gladiatorio[4].

Nel 79 d.C. Pompei fu interessata dall’eruzione del Vesuvio, che la seppellì sotto una coltre di materiali piroclastici di altezza variabile dai cinque ai sette metri, determinandone la fine. Al momento dell’eruzione molti edifici erano in fase di ricostruzione a causa del sisma del 62 d.C.

INFORMAZIONI
Pompei
comune
(dettagli)
Veduta di Pompei e del Vesuvio dal campanile dell’omonima città
Localizzazione
Stato Italia
Regione Campania
Città metropolitana Napoli
Amministrazione
SindacoCarmine Lo Sapio (PD) dal 22-9-2020
Data di istituzione29 marzo 1928
Territorio
Coordinate40°45′N 14°30′ECoordinate40°45′N 14°30′E (Mappa)
Altitudine14 m s.l.m.
Superficie12,42 km²
Abitanti23 807[1] (31-5-2023)
Densità1 916,83 ab./km²
FrazioniMariconda, Messigno, Piano Zona 167, Ponte Nuovo, Treponti, Fontanelle, Parrelle, Ponte Izzo, Ponte Persica, Fossavalle, Chiesa della Giuliana
Comuni confinantiBoscorealeCastellammare di StabiaSant’Antonio AbateSanta Maria la CaritàScafati (SA), Torre Annunziata
Altre informazioni
Cod. postale80045
Prefisso081
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT063058
Cod. catastaleG813
TargaNA
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)[2]
Cl. climaticazona C, 1 131 GG[3]
Nome abitantipompeiani
PatronoMadonna del Rosario
Giorno festivo8 maggio – 7 ottobre
P a n o r a m i W e b